Lanciata sul mercato la Fase Tre del progetto di rigenerazione della Battersea Power Station

Sting Trudi StilerUn lancio in grande stile in 13 grandi città internazionali, alcuni compratori eccellenti annunciati negli ultimi giorni come Sting e la moglie (a fianco), un interesse spasmodico che sta catturando da giorni l’attenzione dei media britannici. E’ questa Fase Tre, il nuovo lotto dell’iconico progetto di rigenerazione della Battersea Power Station firmato dalla mano visionaria di Sir Norman Foster e Frank Ghery, messo sul mercato venerdì 31 ottobre 2014 con un evento promozionale che ha collegato idealmente Londra a New York, Beijing, Shanghai, Hong Kong, Singapore, Tokyo, Dubai, Parigi, Milano, Los Angeles, Doha e Kuala Lumpur.

Fase Tre Battersea Power Station

La nuova linea di credito da 1,35 miliardi di sterline

Il lancio di Fase Tre è stato preceduto nei giorni scorsi dall’importante annuncio che il consorzio malese che a giugno 2012 ha rilevato l’operazione di riconversione della BPS (composto dal colosso immobiliare S B Sethia BHD Group, dalla multinazionale dell’energia Sime Darby e dal Fondo pensionistico Employees’ Provident Group) ha ottenuto una nuova linea di credito da 1,35 miliardi di sterline (1,8 miliardi di euro) per finanziare la riconversione a usi residenziali e commerciali dell’edificio della vecchia centrale (vincolato come Grade II* Listed building, il secondo più importante livello di tutela architettonica previsto dalla legislazione inglese) e la costruzione del nuovo Electric Bulevard (foto sotto), il viale ad alta densità commerciale che sorgerà tra gli edifici firmati da Frank Gehry e Sir Norman Foster e costituirà, di fatto, la porta d’accesso principale all’intero sito.

Il finanziamento è stato concesso da un sindacato di banche asiatiche e medio-orientali guidate da CIMB, Maybank and Standard Chartered Bank, che fungeranno da coordinatori e mandatari dell’intera operazione, e composto DBS (Singapore), National Bank of Abu Dabi, OCBC and RHB (Malaysia) e rappresenta un’ulteriore dimostrazione della fiducia con cui la comunità finanziaria internazionale guarda al colossale progetto in corso di realizzazione nella sponda sud del Tamigi.

Electric Bulevard Battersea Power Station

Contattateci al più presto per conoscere i dettagli di questa grande operazionePrenotate una visita esclusiva al cantiere della BPS ed entrate a far parte della ristretta cerchia di fortunati che riusciranno ad acquistare un pezzo della storia di Londra! Clicca qui per contatti e informazioni

Le fasi del progetto – Fase Uno e Fase Due

Il masterplan firmato nel 2006 dall’urbanista uruguaiano Rafael Vinoly prevede sette distinti lotti d’intervento – o Fasi – per un costo complessivo dell’intera operazione stimato in circa 8 miliardi di sterline (10 miliardi di euro).

Le prime due Fasi (Uno e Due) sono state messe sul mercato, rispettivamente, a gennaio 2013 e maggio 2014.

La consegna dei primi immobili della Fase Uno è prevista a marzo 2016.

I lavori della Fase Due (quella che prevede la ristrutturazione dell’edificio dell’ex-Centrale e la realizzazione al suo interno di sei piani di uffici, un mega centro commerciale di lusso, un area congressi e 253 unità abitative) partiranno a gennaio 2015 e termineranno nel primo trimestre 2019. La gara per realizzare l’intervento (costo complessivo 600 milioni di sterline, pari a 900 milioni di euro) è stata vinta dal colosso svedese Skanka, che sta già realizzando l’edificio della Fase Uno.

BPS interno

 

BPS ciminiere

Per altri dettagli su Fase Uno e Fase Due clicca qui.

La Fase Tre

Fase Tre costituisce probabilmente il lotto più affascinante e visionario dell’intero progetto di rigenerazione della Battersea Power Station.

Fase Tre Battersea Power Station 2

La scelta di affidare a due tra i più importanti e innovativi studi di architettura del mondo (Foster & Partners e Frank Gehry) la progettazione di questa sezione del masterplan di Vinoly ha prodotto un risultato straordinario in termini d’innovatività e creatività degli edifici, che contribuiranno certamente a ridefinire lo stile architettonico della Londra del futuro e diventeranno, per questo, straordinarie opportunità d’investimento per chi avrà avuto l’accortezza di acquistare una o più unità in questa fase.

Fase Tre sarà suddivisa in due sub-lotti (A e B) e prevederà, complessivamente, 1.305 unità immobiliari suddivise in sei edifici (cinque firmati da Gehry e uno da Foster) il già citato Electric Boulevard (l’arteria commerciale pedonale che si snoderà tra i sei palazzi) un hotel di lusso e una clinica privata all’intero del palazzo di Foster e la nuova stazione delle Northern Line (la linea nera della metropolitana londinese, che sarà estesa fino all’interno dell’area della Battersea Power Station) il cui finanziamento è stato confermato dal Cancelliere dello Scacchiere George Osborne (il Ministro dell’economia UK) nel Budget di Autunno 2013 e sarà completata dall’Agenzia Transport for London entro il primo trimestre 2019.

Il Bourough di Wandsworth (il Comune londinese responsabile amministrativamente per l’area di Battersea) ha rilasciato l’autorizzazione al Piano Particolareggiato dell’intera Fase Tre il 17 ottobre 2014.

Il primo sub-lotto (Fase Tre A) è ufficialmente partito in questi giorni; il secondo inizierà non appena ultimata la stazione della metropolitana.

Fase Tre A

Fase Tre A comprende tre edifici: due dei cinque progettati da Frank Gehry (denominati, rispettivamente, “Prospect Place A” e “Prospect Place B”) e metà dell’avveniristico palazzo ondulato firmato da Sir Norman Forster (il cosiddetto “Battersea Roof Gardens”).

In totale, venerdì 31 ottobre 2014 sono state immesse sul mercato 539 unità immobiliari rispetto alle 1.034 previste nell’intera Fase Tre (le rimanenti rientreranno nella cosiddetta Fase Tre B).

The Battersea Roof Gardens (by Sir Norman Foster)

L’edificio disegnato dallo Studio Fosters & Partners è una struttura a onde che si snoderà lungo l’intero Electric Bouleverd e lo caratterizzerà con la sua elegante sinuosità e luminosità.

 

The Battersea Roof Gardens esterno

Nel complesso, tra Fase A (partita adesso) e Fase B (inizio lavori: 2019) The Battersea Roof Gardens (questo il nome dell’edificio) prevederà più di 600 appartamenti (da monolocali di alcune decine di mq a lussuose penthouse suddivise su più livelli con superfici interne da capogiro) un hotel di lusso, una clinica privata, una grande palestra e lounge rooms per i residenti.

The Battersea Roof Gardens Battersea Power Station Winter Gardens

Oltre ai cosiddetti winter gardens (porzioni degli appartamenti composte su tre lati da vetrate che garantiranno una vista mozzafiato sull’ex-centrale e sull’intera area circostante) – foto a sinistra – l’elemento che caratterizzerà maggiormente l’edificio di Foster, però, sarà l’enorme roof garden (foto sotto) che si snoderà lungo l’intero tetto dell’edificio e diventerà, di fatto, una specie di nuovo parco londinese sospeso al 16° piano a uso privato dei residenti degli edifici della Fase Tre.

The Battersea Roof Gardens Battersea Power Station Roof Garden

Per ulteriori informazioni sulle unità immobiliari di questo edificio e prenotare una visita privata al cantiere contattateci cliccando qui.

Ecco alcuni esempi di planimetrie e d’interni del Battersea Roof Garden “griffato” Sir Norman Foster e immesso sul mercato venerdì 31 ottobre 2014.

The Battersea Roof Gardens Battersea Power Station appartamento

The Battersea Roof Gardens Battersea Power Station appartamento 2

The Battersea Roof Gardens planimetrie 15

Prospect Place 1 e 2 (by Frank Gehry)

Questi due edifici fanno parte del complesso di cinque unità integrate disegnate dall’archistar candese-californiana Frank Gehry, autore, tra gli altri, del celeberrimo Guggenheim Museum di Bilbao e della Walt Disney Concert Hall di Los Angeles.

Prospect Place

Ogni edificio del progetto di Gehry avrà una sua personalità e un suo stile, leggermente diverso da quello di tutti gli altri. Al centro di questa grande comunità urbanistica ci sarà The Flower (foto sotto), il palazzo simbolo dell’intera Fase Tre, caratterizzato da una forma vagamente elicoidale ma che, visto dall’alto, avrà le sembianze e i colori variegati di uno splendido fiore dischiuso.

The Flower

Prospect Place 1 e Prospect Place 2, i due edifici che sono stati presentati e messi sul mercato venerdì 31 ottobre 2014, s’ispirano invece a un gruppo di vele spiegate e gonfiate dal vento. Al pari del vicino Battersea Roof Gardens di Foster, anche i due edifici di Gehry sono caratterizzati dalla presenza in ogni appartamento dei cosiddetti winter gardens, le spettacolari sezioni a tre vetrate ispirate alle bay windows inglesi che si sporgono al di fuori dell’edificio e garantiscono una vista mozzafiato sull’intero circondario.

The Flower 2

Per ulteriori informazioni sulle unità immobiliari disponibili in questi edifici e prenotare una visita privata al cantiere contattateci cliccando qui.

Ecco alcuni esempi di planimetrie e d’interni del Prospect Place 1 formato da Frank Gehry e immesso sul mercato venerdì 31 ottobre 2014.

Prospect Place appartamento

Prospect Place appartamento 2

 

Prospect Place planimetrie

 

 

Per avere ulteriori informazioni su questo progetto, contattateci cliccando il tasto qui sotto. 

Bottone contatto