LUGLIO 2017:

RESIDENTIAL RESEARCH 

  • Il prezzo delle case è aumentato dell 1.1% a giugno 2017 guadagnando un annuale aumento del 3.1% rispetto al 2.1% di maggio 2017.
  • Il valore dei prezzi delle case in Prime Central London è rimasto presso che inalterato in giugno 2017 cambiando leggermente il valore registrato in maggio 2017 pari a -6.6% e portandolo a -6.3%

La Bank of England è la banca centrale del Regno Unito, il presidente attuale dal 2003 è Mervyn King.

Il ruolo della BoE è quello di promuovere la stabilità monetaria e finanziari del Regno Unito e tra le attività principali:

  • l’assicurazione della distribuzione della sterlina
  • il prestito alle banche commerciali e l’attuazione delle politiche di scambio.

Nel mese di agosto la Bank of England deve prendere una cruciale decisione relativamente ai tassi di interesse ed è molto probabile, dato anche l’ultimo Inflation report, che questi ultimi saranno destinati ad aumentare sensibilmente.

Se ciò accadesse, anche solo di un quarto di punto, lo stesso sarebbe un record al ribasso,  0,5%, nonché  la più bassa variazione registrata negli ultimi 10 anni: ciò avrà un impatto sull’opinione pubblica e sui rimborsi dei mutui.

Gli ultimi dati relativi alla situazione economica UK suggeriscono che la crescita della produzione abbia rallentato dall’inizio dell’anno, e ciò nell’insieme delle preoccupazioni  concernenti le negoziazioni Brexit e circa le recenti elezioni. Nei primi tre mesi il GDP (Gross Domestic Product) è stato il 2% più alto rispetto allo scorso periodo dell’anno precedente ma il tasso trimestrale relativo alla crescita è stato pari allo 0,2% uno dei tassi più bassi registrati all’interno della EU.

Bassi tassi di interesse sui mutui sono uno dei fattori principali per creare delle basi solide al fine di far crescere il mercato immobiliare. Nel 2017 fino alla fine di giugno 2017 Q2 il prezzo di crescita degli immobili a Londra si registra come più debole rispetto ad altre regioni del Regno Unito sebbene la crescita nella capitale abbia reso performante il mercato immobiliare della nazione nel corso degli ultimi quattro anni.

Il mercato immobiliare ora è caratterizzato da ridotte attività ciò è dovuto all’incertezza dell’economia del paese e dal fardello che rappresentano le tasse che impattano le transazioni. Tutto sommato bassi tassi di interesse ed una mancanza di case sul mercato della compravendita stanno lavorando come ferme ancore per i prezzi. Essendoci poca disponibilità abitativa il governo è messo sotto pressione al fine di rendere edificabili nuovi terreni; alla luce di ciò è benvenuto l’annuncio di nuovi bandi di offerta per £2.3 miliardi al fine di aiutare le autorità locali a sbloccare terreni utili alla costruzione di nuove unità abitative. Un ulteriore importante annuncio è stata la decisione di impiegare un miliardo di sterline per aumentare le infrastrutture ed i trasporti con il fine di espandere l’opportunità di nuove case e degli annessi investimenti.

Prime Market

E’ evidente che la domanda stia crescendo nonostante ciò questo non si traduce in un aumento di prezzi. Il prezzo medio delle abitazioni in Prime Central London rimane stabile in giugno sebbene registri un incremento delle attività. Il numero degli scambi registrati in PCL tra gennaio e maggio è stato del 17% più alti rispetto allo stesso periodo del 2016.

Rental Market

Il prezzo medio degli affitti è cresciuto fino a maggio del 1.8% e ciò nel Regno Unito con un incremento pari al 1.9 % e 1.3% a Londra. In PCL si è registrata una caduta dei prezzi nei tre mesi precedenti a giugno.

Per quanto riguarda il Super Prime Rentals e quindi proprietà affittate a più di £5,000 a settimana la domanda continua ad essere forte mentre potenziali acquirenti adottano la posizione “wait and see”.

Bottone contatto