Calano i mutui in UK. Efficaci le misure contro l’aumento eccessivo dei prezzi delle case a Londra

Calano i mutui in UK a maggio. Efficaci le misure introdotte per contenere l’eccessivo aumento dei prezzi delle case a Londra

Londra, 30 giugno 2014. Calano leggermente i mutui concessi in UK a maggio. Secondo i dati diffusi oggi dalla Banca d’Inghilterra, i prestiti concessi il mese scorso per l’acquisto di un’abitazione nell’ambito del Regno Unito sono stati 61.707, contro i 62.807. Si tratta del dato piu’ basso dell’anno rispetto al picco raggiunto a gennaio, quando le domande di finanziamento accolte dagli istituti di credito inglesi furono 75.901.

Nonostante cio’, secondo l’HM Revenue & Custom (l’Agenzia delle Entrate inglese) il numero delle transazioni immobiliari a maggio e’ arrivato al suo picco massimo annuale, segno che sono sensibilmente aumentati gli acquisti “cash” (estremamente frequenti soprattutto a Londra, dove gli investitori internazionali difficilmente ricorrono al credito bancario per finanziare i loro acquisti) rispetto a quelli effettuati tramite mutuo.

Cominciano dunque a mostrare i loro effetti le nuove regole introdotte ad aprile 2014 dal Governo inglese e della Bank of England – le cosiddette Mortgage Market Review – per evitare l’eccessivo surriscaldamento del mercato immobiliare UK, e di Londra in particolare. Misure finalizzate a rendere piu’ incisivi i controlli sulla sostenibilita’ dei mutui e piu’ stringenti i controlli sulle banche concedenti per evitare il ripetersi di problemi alla stabilita’ finanziaria del sistema creditizio britannico.

La scorsa  settimana il Comitato per la Politica Finanziaria della Banca d’Inghilterra ha ulteriormente rafforzato il quadro introducendo un tetto massimo al numero di prestiti che le banche sono autorizzate concedere a soggetti il cui reddito e’ inferiore di 4,5 volte l’importo complessivo del mutuo (non potranno superare il 15% del totale dei mututi erogati) e uno stress-test sulle richieste in uno scenario con il tasso d’interesse ufficiale (Official Bank Rate) al 3% rispetto allo 0,5% attuale.

Si tratta, con tutta evidenza, di interventi selettivi mirati a limitare in ogni modo il rischio di insolevenze e il ripetersi di situazioni di crescita non fisiologica del mercato immobiliare simili a quelle che hanno portato all’esplosione della crisi finanziaria nel 2008.

Comprare case a Londra e’ oggi la forma d’investimento immobiliare piu’ sicura e redditizia del mondo.

Investire Londra e’ il punto di riferimento degli italiani interessati a comprare case a Londra e offre un servizio integrato e altamente professionale di consulenza immobiliare e ricerca delle proprieta’ nell’intero mercato di Londra, assistenza legale e consulenza fiscale bilaterale italo – britannica.

Fonte: BBC News Business, 30 giugno 2014

Clicca qui per leggere l’articolo integrale pubblicato sul sito della BBC

 Bottone contatto

Related Posts

0 Commenti

commenta