Il museo inglese che ha venduto una statua egizia perde i fondi statali

Il museo inglese che ha venduto l’antica statua egizia perde i finanziamenti statali

finanziamenti statali

Londra, 1 agosto 2014. Il Northampton Museum and Art Gallery, il museo inglese reo di aver venduto all’asta per 16 milioni di sterline (20 milioni di euro) un’antica statua del dio egizio Sekhemka vecchia di 4.000 anni (foto sopra) per finanziare la ristrutturazione del suo complesso espositivo, ha perduto l’accreditamento statale e, con esso, la possibilità di beneficiare dei finanziamenti pubblici garantiti a tutti i musei del Regno Unito.

La clamorosa notizia e’ stata resa nota oggi da Scott Furlong, portavoce dell’Arts Council, l’ente pubblico che in Inghilterra controlla che la corretta gestione dei patrimoni di ogni singolo museo inglese. Furlong ha dichiarato che, per quanto spiacevole, non si può far altro che escludere il Northampton Museum dall’assegnazione dei fondi statali, almeno fino al 2019.

La vendita della statua, avvenuta con un’asta organizzata da Christie’s a Londra, e’ stata al centro di una furiosa polemica con l’Ambasciatore egiziano in UK e il “Save Sekhemka Action Group”, il gruppo di pressione creato per opporsi alla cessione della statua, considerata un abuso irrispettoso e inaccettabile nei confronti dell’arte e della cultura dell’antico Egitto.

Lo scalpore internazionale suscitato dalla vicenda ha reso la decisione dell’Arts Council quasi obbligata, anche per scoraggiare la vendita a privati di altre opere d’arte da parte dei musei inglesi.

La notizia fa da contraltare a quella di segno opposto che, solo qualche mese fa, ha visto l’opinione pubblica inglese mobilitarsi e raccogliere 12 milioni di sterline per evitare la vendita a un privato (il nipote del boss della Formula Uno Bernie Ecclestone) del meraviglioso autoritratto di Van Dick (foto sotto), attualmente esposto nella National Portrait Gallery di Londra. Una “colletta” pubblica senza precedenti in Inghilterra a cui hanno contribuito molte aziende e piu’ di 10 mila individui, i quali hanno donato complessivamente 1,4 milioni di sterline (1,8 milioni di euro).

Van Dyck portrait

Comprare casa a Londra è oggi la forma di investimento più sicura e redditizia al mondo.

Investire Londra è il punto di riferimento degli italiani che vogliono comprare casa a Londra e offre un servizio integrato e altamente professionale di consulenza immobiliare e ricerca delle proprietà nel mercato di Londra, assistenza legale specialistica e consulenza fiscale bilaterale italo – britannica.

Fonte: BBC News, 1 agosto 2014

Clicca qui per leggere l’articolo della BBC!

Nessun Commento.

commenta