kensington

Storia, fascino e regalità nel quartiere più esclusivo di Londra

Kensington Palace 2

Kensington, cuore del Royal Borough di Kensington & Chelsea, è il quartiere vittoriano per eccellenza di Londra: è la zona dei musei famosi, dei college dai nomi altisonanti e dei palazzi di fiaba, a partire dal più noto di tutti, Kensington Palace (foto sopra) residenza ufficiale della monarchia britannica per quasi due secoli e casa di molti esponenti della Famiglia Reale inglese in epoca moderna: dalla principessa Diana agli attuali occupanti, William, Kate e il principino George. Un quadrilatero elegante, sobrio e assolutamente esclusivo, la cui compiuta urbanizzazione risale alla seconda metà dell’800.

Royal College of Music Londra

All’interno del quartiere si fondono storia, cultura, eleganza e glamour come in nessun altra zona della Capitale inglese.

Jimi Hendrix.jpg

Freddy Mercury

Qui, a metà degli anni ’60, inizia la carriera un giovane Freddie Mercury e, nel 1970, finisce quella di un altro grande della musica rock, Jimi Hendrix, trovato morto in una stanza del Samarkand Hotel di Lansdowne Crescent. Ma i segreti del quartiere più famoso ed elegante di Londra sono tanti, e affondano le radici nel cuore stesso della storia e della nobiltà inglese.

Sulla mappa

Mappa di Kensington

Kensington & Chelsea è uno dei quattro Comuni (Boroughs) di Londra insignito del titolo di Royal Borough in virtù dei suoi strettissimi legami con la monarchia britannica. L’area di Kensington e South Kensington è situata nella zona ovest della Capitale inglese, appena a sud di Hyde Park e dei giardini di Peter Pan (i famosi Kensington Gardens). Confina a nord con il romantico quartiere di Notting Hill, a est con la zona della moda e del lusso di Knightsbridge, a sud con Chelsea ed Earl’s Court e a ovest con Holland Park, Hammersmith e Shepherd’s Bush.

Lo stretto legame con la monarchia inglese

St Mary Abbots Kensington

Grazie al Domesday Book, il manoscritto che contiene i dati del grande censimento voluto da Guglielmo I il Conquistatore nel 1086, sappiamo che il quartiere di Kensington era già conosciuto agli inizi del primo millennio con il nome di “Chensit’s Ton”. Per oltre cinque secoli l’intera zona, che all’epoca era solo un’area rurale abitata da contadini, rimase di proprietà del monastero di St Mary Abbots (foto sopra), situato alla fine di Kensington Church Street, per poi passare alla Corona inglese quando, alla metà del 1500, Enrico VIII ordinò lo scioglimento dei monasteri a seguito dello scisma con la Chiesa di Roma.

Holland Park LondraNel 1599 Sir Walter Cope acquistò da Elisabetta I l’intera tenuta di Kensington. Iniziò in quel momento l’espansione e la corsa verso l’eccellenza del quartiere, che continua anche al giorno d’oggi.

Per ordine del Gran Ciambellano di Elisabetta I, vennero infatti costruiti alcuni grandi edifici come il Castello di Cope, oggi ammirato come Holland House con l’annesso Holland Park (a destra) e la Nottingham House, sede del Conte di Nottingham, che prese successivamente il nome di Kensington Palace.

Principe Albert di Sassonia

Regina Vittoria

Già a partire dall’XVII secolo, Kensington era la residenza prediletta di alcuni dei più famosi intellettuali e aristocratici di Londra. Ma è a metà dell’Ottocento che inizia la vera e propria svolta di quest’area per mano del principe Alberto di Sassonia-Coburgo (foto sopra a sinistra), l’amato marito tedesco della Regina Vittoria (foto sopra a destra). Albert scelse infatti proprio Kensington per la Great Exhibition di Londra del 1851, contribuendo così a dare uno slancio definitivo allo sviluppo del quartiere.

Crystal Palace Londra

In occasione della grande mostra delle arti e dell’industria mondiale venne costruito in soli nove mesi, all’interno di Hyde Park, il famoso Crystal Palace, l’imponente palazzo di vetro lungo 564 metri e alto 39 che conteneva l’intera Esposizione. Al termine dell’evento, il Palazzo venne smontato e ricostruito in una versione allargata nella zona a sud di Londra che porta ancora il suo nome, ma fu poi interamente distrutto da un incendio nel 1936. I proventi della Great Exhibition furono utilizzati da Alberto per finanziare la costruzione dei tre grandi musei di South Kensington (il Victoria & Albert Museum, il Museo di Storia Naturale e il Museo della Scienza) e alcuni dei famosi istituti di studio e ricerca presenti nell’area (il Royal College of Music e l’Imperial College). Grazie a questo straordinario patrimonio culturale ed architettonico lasciato in eredità dalla più longeva sovrana inglese e dal suo illuminato marito, Kensington e South Kensington sono oggi le zone più “regali” e prestigiose di tutta Londra.

South Kensington, il quadrilatero dei musei più famoso del mondo

A sud dei Kensington Gardens si snoda una galassia di musei e istituzioni che incarnano secoli di storia e cultura inglese e sono meta ogni anno di milioni di turisti provenienti da tutto il mondo.

La Royal Albert Hall

Royal Albert Hall.jpg

La Royal Albert Hall of Arts and Sciences (conosciuta semplicemente come Royal Albert Hall), faraonica struttura ispirata agli anfiteatri romani concepita per ospitare concerti, mostre e conferenze, fu fortemente voluta dal Principe Alberto e troneggia con la sua struttura ovale sull’intero quartiere di South Kensington.

Royal Albert Hall Londra interno

La Hall può ospitare più di 5.000 persone ed è stata costruita con 6 milioni di mattoni rossi. E’ impreziosita da un fregio di terracotta che esalta le arti rappresentate nella struttura ed è sovrastata da un’imponente cupola di vetro e metallo. La Royal Albert Hall ha un calendario straordinario di eventi musicali, culturali e sportivi che durano tutto l’anno e spaziano dall’opera lirica alla musica classica, dal teatro all’intrattenimento, dal pop al cinema per finire con la finale dei Masters di tennis!

Il Victoria & Albert Museum 

The John Madejski Garden

Victoria & Albert Museum vestiti

Victoria & Albert Museum Kensington statue

Il Victoria and Albert (V&A) Museum (foto sopra) è il più grande museo gratuito di arti decorative e design del mondo. Visitarlo tutto è quasi un’impresa: le sue 170 gallerie sono lunghe più di 13 chilometri e contengono quattro milioni di oggetti, che offrono ai visitatori un viaggio sconfinato attraverso 3.000 anni di storia umana. Il tutto è diviso in 8 dipartimenti: 1. stampe, disegni e dipinti; 2. arredamento e artigianato del legno; 3. tessuti ed abiti; 4. scultura; 5. argento, gioielli e artigianato del ferro; 6. vetri e ceramiche; 7. Oriente; 8. India e Asia del Sud. Nel 2013 è stato visitato da 3,2 milioni di persone.

Lo Science Museum

Museo della Scienza Kensington

Il Museo della Scienza (Science Museum), situato a pochi passi dal Victoria & Albert Museum e dal Museo di Storia Naturale, è uno dei musei scientifici più moderni e avanzati del pianeta e possiede una delle più vaste raccolte di oggetti, macchine e strumenti nei settori della scienza, della tecnologia, dell’industria e della medicina. Le esposizioni sono organizzate su cinque piani con mostre interattive ricche d’informazioni e curiosità, adatte a tutte le età. Lo scorso anno 3,3 milioni di visitatori hanno passato una giornata in questa affascinante e coinvolgente struttura.

Simulatore di Volo Kensington

Al suo interno è possibile assistere a una proiezione dell’IMAX, l’enorme cinema curvo in 3D grande quando 4 schermi di cinema normali e pilotare un aereo da caccia grazie all’avanzato simulatore di volo a controllo individuale in grado di effettuare rotazioni fino a 360°. Pronti a volare a testa in giù?

Il Natural History Museum

Natural history Museum Kensington

L’Exhibition Road, detta anche la via dei musei, ospita anche il terzo dei grandi musei di quella che, dopo la Grande Esibizione del 1851, venne giustamente denominata Albertopolis. Si tratta del Museo di Storia Naturale, una straordinario contenitore espositivo che tutto il mondo invidia alla Capitale inglese e che ogni anno viene visitato da 5,3 milioni di persone. Questo imponente edificio, dall’architettura caratteristica e immediatamente riconoscibile, ospita più 70 milioni di reperti organizzati in cinque categorie: Zoologia, Mineralogia, Botanica, Paleontologia ed Entomologia.

Natural History Museum Kensington dinosauri

Qui si possono ammirare gli scheletri perfettamente ricostruiti di decine di dinosauri e praticamente tutte le specie animali e vegetali esistenti al mondo. Come tutti i grandi musei londinesi, anche il Natural History Museum è totalmente gratuito (attrazioni e mostre particolari a parte).

A South Kensington trovano spazio anche alcuni dei Collegi e degli Istituti universitari più famosi e prestigiosi di Londra come l’Imperial College e il Royal College of Music.

Giardini italiani e Peter Pan nel parco più bello di Londra

Kensington Gardens

I Kensington Gardens rappresentano forse il parco più bello e regale di tutta Londra: 111 ettari di prati ben curati e colmi di storia incastonati nel cuore stesso della Capitale inglese. In origine i Kensington Gardens, oggi uno degli otto Parchi Reali di Londra, erano la riserva di caccia di Enrico VIII. Quando Guglielmo II e la sua consorte scelsero Kensington Palace come residenza ufficiale della Famiglia Reale nel 1689, il parco divenne il maestoso giardino privato della Reggia. Al momento del trasferimento della Corte a Buckingham Palace (1837) il fascino e l’attrattività di questo luogo in parte diminuirono.

Alberi di ciliege kensington Gardens PETER PAN STATUE, KENSINGTON GARDENS

La Regina Vittoria, che lì era nata, contribuì comunque a migliorare notevolmente l’aspetto dei Giardini, commissionando la realizzazione degli splendidi Italian Gardens e del Prince Consort National Memorial (più noto come Albert Memorial) l’imponente monumento in stile gotico vittoriano dedicato al ricordo di quel principe Alberto che tanto si dedicò allo sviluppo dell’area di Kensington e che mori prematuramente all’età di 42 anni nel 1861.

Kensington Gardens laghetto

Albert Memorial Kensington 1

Il parco non è solo un elegante luogo di ritrovo per gli adulti, ma è molto amato anche dai bambini. È proprio qui, infatti, che trova ambientazione il famoso libro “Peter Pan nei Giardini di Kensington” di James Matthew Barrie. Il libro racconta le vicende del celebre bambino che non voleva crescere prima del suo arrivo nell’Isola che non c’è, ed è la prima opera letteraria in cui compare questo personaggio. Nel cuore del parco vi è una statua raffigurante il beniamino dei bambini, che rappresenta un punto in cui i più piccoli possono giocare liberamente, abbandonandosi alla fantasia.

Kensington Palace: due secoli di storia inglese passano da qui

Kensington Palace 3

Kensington Palace è stato a lungo la residenza ufficiale della monarchia inglese. I primi Reali a utilizzare l’ex-palazzo del Conte di Nottingham come residenza ufficiale di Corte furono Guglielmo II e sua moglie Mary nel 1689. A Kensington Palace nacque la futura Regina Vittoria e, anche dopo il trasferimento della corte a Buckingham Palace, il palazzo rimase la residenza di alcuni membri della famiglia reale. Qui abitarono Carlo e Diana durante il loro infelice matrimonio e qui rimase a vivere l’amata Principessa del Popolo dopo il burrascoso divorzio dal marito con i piccoli William and Henry fino alla sua prematura scomparsa nel 1997.

Kensington Palace Orangery

William Kate e George Kensingon Palace

Oggi la parte nord-orientale di Kensington Palace è interamente aperta al pubblico mentre l’ala ovest ospita l’appartamento privato del Principe William, Duca di Cambridge e secondo in linea di successione al trono d’Inghilterra dopo il padre Carlo, di sua moglie Kate Middleton e del piccolo principino George Alexander Louis. La facciata meridionale e quella orientale sono finemente rifinite in mattoni rossi e sono opera di Sir Cristopher Wren (l’architetto inglese a cui fu affidata la ricostruzione di Londra dopo il Grande Incendio del 1666 che distrusse tre quarti della città, famoso soprattutto per aver progettato la meravigliosa cattedrale di St Paul). A destra di Kensington Palace si trova l’Orangery, l’aranceto realizzato come serra indipendente oggi trasformato in un’elegante sala da the, formale ma non eccessivamente costosa, in cui è possibile regalarsi una pausa pomeridiana in stile tipicamente British.

Cupola Room Kensington Palace

Ordine della Giarrettiera KensingtonLa zona più celebre del palazzo è certamente la Cupola Room (foto sopra) luogo in cui si teneva la cerimonia d’iniziazione del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (The Noble Order of the Garter) il più antico e famoso ordine cavalleresco del Regno Unito, di cui è a capo lo stesso Sovrano inglese (foto a sinistra).

Il simbolo dell’Ordine è decorato con un maestoso trompe d’oeil che lo fa sembrare una cupola nonostante il soffitto della stanza sia piatto.

In questa stanza fu anche battezzata quella che sarebbe poi diventata la Regina Vittoria.  

Uno degli elementi che attira maggiormente i turisti a Kensington Palace è anche la Royal Cerimonial Dress Collection, la galleria nella quale è possibile ammirare le collezioni di abiti cerimoniali dei reali inglesi ma soprattutto alcuni dei vestiti indossati dalla Principessa Diana nel corso dei suoi tanti viaggi internazionali.

La via dei miliardari

Kensington Palace Gardens

021_01J_KENSINGTON PARK GDNSKensington Palace Gardens è senza dubbio la via più costosa ed esclusiva dell’intero Regno Unito, e forse del mondo. E’ un viale elegante e super protetto situato a fianco di Kensington Palace e dell’Ambasciata russa, costituito in gran parte da grandi case di stucco bianco o mattoni rossi e costantemente vigilato da guardie armate poste ai due capi della strada. Non è facile incontrare gli abitanti di questa via da sogno, in cui risiede ufficialmente il maggior numero di miliardari al mondo: il riserbo, infatti, regna sovrano. Non si vedono macchine eccessive o altre ostentazioni di lusso, e tutto è improntato alla massima sobrietà. Qui vivono, tra gli altri, Roman Abramovich (russo), Leonard Blavatnik (ucraino) e Lakshmi Mittal (indiano) che, secondo la rivista Forbes, sono fra i 15 imprenditori più ricchi ed influenti del mondo, ma anche principi della Famiglia Reale Saudita, il Sultano del Brunei, diversi ambasciatori (tra cui quello russo, quello norvegese, quello francese e quello finlandese) e molti personaggi del jet set internazionale, che hanno discretamente acquistato case il cui valore medio, nel 2013, era di 122 milioni di sterline (150 milioni di euro). In passato, tra i residenti di questa via super-esclusiva che collega Notting Hill Gate a High Street Kensington ci sono stati la famiglia Rotschild, Bernie Ecclestone e il Barone de Reuters (fondatore dell’omonima agenzia stampa).

Alta cucina italiana, sapori francesi e roof gardens per serate indimenticabili

Per quel che riguarda il cibo e il divertimento, anche Kensington, al pari di tutta Londra, presenta cucine e sapori provenienti da tutto il mondo alternati a ristoranti e pub in stile più tipicamente British.

Clarke's kensington Church roadUno dei locali più noti è Clarke’s, aperto alla fine degli anni ’80 in Kensinghton Church Street dalla chef inglese Sally Clarke, che propone menù diversi ogni giorno mescolando sapientemente piatti e ingredienti tipici della cucina inglese con sapori e profumi più marcatamente europei. 

Nei mesi più caldi, e quando il tempo londinese lo permette, è possibile recarsi in uno dei vari roof garden bars situati lungo la High Street Kensington, l’arteria commerciale del quartiere. Tra questi il più noto è forse il Babylon (foto sotto), situato al settimo piano di un elegante palazzo vittoriano: un locale molto di moda, che offre una vista mozzafiato sullo skyline di Londra e splendidi giardini accessibili a tutti gli ospiti.

Babylon Kensington roof garden


Sticky Fingers KensingtonPer chi preferisce uno stile più casual e informale, il posto adatto è invece Sticky Fingers (foto a destra in alto) locale molto trendy fondato dal bassista dei Rolling Stones Bill Wyman, dove è possibile gustare costine di maiale alla griglia (ribs) ali di pollo (chicken wings) e deliziosi hambu
rger in stile USA immersi in un clima cordiale, giovanile ed assolutamente easy. Il tutto, ovviamente, con un sottofondo musicale di prima qualità!

Ristorante Brunello South Kensington

Come al solito, ampia e di elevato livello la selezione dei ristoranti italiani. Tra questi si segnalano Brunello (foto a destra in basso) ottimo ristorante del lussuoso hotel Baglioni di South Kensington, il Portico, gestito dalla famiglia Chiavarini fin dai primi anni ’60 e Sopranos, entrambi ubicati nella centrale High Street Kensington.

Una menzione speciale meritano senz’altro Kensington Place, storico ristorante di Kensington Church Street aperto ininterrottamente dal 1897, che offre un’ottima selezione di cucina francese, Min Jiang, celebrato ristorante cinese situato al decimo piano del Royal Garden Hotel con una vista mozzafiato sui Kensington Gardens e Hyde Park e Memories of India, fra i più quotati locali di cucina indiana della zona.

The Scarsdale Tavern Kensington

The Hansom Cab Kensington

Tra i numerosissimi pub della zona, spiccano invece The Scarsdale Tavern, The Hansom Cab e The Windsor Castle, che offrono un’eccellente cucina inglese a base di fish & chips, burger, salmone e pie e, ovviamente, una grande varietà di birre.

Mansion vittoriane e red bricks per uno dei mercati immobiliari più cari di Londra.

Case vittoriane kensington

Case Kensington

Sotto il profilo immobiliare, Kensington è una delle zone più costose di Londra e dell’intero Regno Unito. Tralasciando gli eccessi di Kensington Palace Gardens, la via dei miliardari in cui una casa può arrivare a costare 122 milioni di sterline (150 milioni di euro) e dell’altrettanto esclusiva Holland Road (luogo di residenza di David e Victoria Beckham, Robbie Williams e altri vip internazionali) il valore medio delle proprietà dell’area è comunque tra i più elevati dell’intera Capitale UK.

Holland Road Kensington

Holland Road Kensington 2

Nella zona abitano decine di personaggi noti della cultura, dello spettacolo, del cinema, dello sport e della moda inglesi e si trovano alcune delle strade e piazze più care dell’intero Regno Unito: Edwardes Square, Earls Terrace, The Phillimores, Wycombe Square.

L’architettura del quartiere è dominata dalle grandi mansion vittoriane in mattoni rossi (red bricks) e stucco bianco (white stucco), che caratterizzano il panorama urbano londinese fin dalla metà dell’800 e offrono l’opportunità di acquistare pezzi di storia inglese che si rivalutano nel tempo e rappresentano una delle forme di investimento più sicure e redditizie del mondo.

U

Edwardian Mansion Blocks, Maida Vale, London

Ecco i dati relativi ai prezzi e alle tipologie degli immobili a Kensington:

Costo immobili Kensington

Dati immobiliari Kensington

I trend di crescita dei valori immobiliari nell’intero quartiere di Kensington & Chelsea sono impressionanti. Con l’eccezione dei due anni iniziali della recente crisi internazionale (2008 e 2009) i valori medi delle case a K&C sono costantemente cresciuti nel corso degli ultimi quarant’anni, con un incremento medio del 324% negli ultimi 15, del 154% negli ultimi 10 e del 42% negli ultimi 3 (Fonte dati: Land Registry for England and Wales, l’Agenzia del territorio inglese).

Trend valori medi immobili Kensington

I trasporti pubblici a Kensington e South Kensington

South Kensington Station

Sia Kensington che South Kensington sono serviti molto bene dall’imponente rete di trasporti pubblici londinese. Oltre a un elevato numero di bus che collegano l’area a tutte le principali zone della Capitale UK, la zona può contare su tre stazioni dell’Underground (metropolitana): High Street Kensington (Circle e District Line) Gloucester Road (District e Circle Line) e South Kensington (District, Circle e Piccadilly line), fermata ideale per visitare i musei e la Royal Albert Hall.

Comprare casa a Londra è oggi la forma di investimento più sicura e redditizia al mondo.

Investire Londra è il punto di riferimento degli italiani che vogliono comprare casa a Londra e offre un servizio integrato e altamente professionale di consulenza immobiliare e ricerca delle proprietà nel mercato di Londra, assistenza legale specialistica e consulenza fiscale bilaterale italo – britannica.

Bottone contatto