l’aire

Chi intende trasferire la residenza nel Regno Unito deve dimostrare di avere una dimora stabile in quel Paese e chiedere l’iscrizione all’AIRE (Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero) presso il Consolato Generale italiano a Londra.

Può anche dichiarare al Comune italiano di residenza il trasferimento all’estero (pre-iscrizione AIRE). In ogni caso, il procedimento deve essere perfezionato entro 90 giorni dall’arrivo nel Regno Unito con il ricevimento da parte del Consolato della richiesta di iscrizione da parte dell’interessato. 

L’AIRE è stata istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470 e contiene i dati dei cittadini italiani che intendono risiedere all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi. 

E’ gestita dai Comuni sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero. 

Iscrizione all’Aire

L’iscrizione all’AIRE è un diritto-dovere del cittadino (art. 6 legge 470/1988) e costituisce il presupposto per usufruire di una serie di servizi forniti dalle Rappresentanze consolari all’estero, nonché per l’esercizio di importanti diritti, quali per esempio:

– la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum nazionali per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’U.E.;

– la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni.

L’iscrizione all’AIRE può essere effettuata online.

In caso di dichiarazione preliminare di espatrio al Comune, l’iscrizione decorre dalla data in cui l’interessato ha reso tale comunicazione (D.P.R. 6 settembre 1989, n. 323, articolo 7).

Qualora l’iscrizione avvenga successivamente all’arrivo nel Regno Unito, la stessa ha decorrenza dalla data di ricezione del modello consolare da parte dell’ufficiale dell’anagrafe del Comune di residenza in Italia. L’ufficio ha quindi due giorni di tempo per iscrivere il cittadino all’AIRE (Legge 4 aprile 2012, n. 35). 

Se entro un anno dalla dichiarazione di espatrio il Comune non riceve dal Consolato la richiesta di iscrizione all’AIRE, sarà avviato il procedimento di cancellazione del richiedente per irreperibilità.

Bottone contatto