Boom dell’occupazione in UK a dicembre 2014. Disoccupazione al 5,7%

Nuovo boom dell’occupazione in UK. Disoccupazione al 5,7%. 

Occupazione in UK

Londra, 18 febbraio 2104. Nuovo record per il mercato del lavoro britannico, che si conferma leader in Europa e nell’intero mondo occidentale. Lo rivela l’ultimo rapporto dell’Office for National Statistics (l’equivalente inglese dell’ISTAT) pubblicato ieri e ripreso da tutti i giornali britannici.

Tra ottobre e dicembre 2014 il tasso di occupazione in UK (cioe’ la percentuale di persone che lavorano rispetto al totale della popolazione attiva tra 16 e 64 anni) ha toccato quota 73,2%, eguagliando il massimo storico registrato nel trimestre dicembre 2005 – febbraio 2005.

In costante calo anche la disoccupazione, scesa nello stesso periodo al 5,7% contro il 7,2% dello stesso trimestre del 2013 (-1,5%).

Buone notizie anche sul fronte degli stipendi, cresciuti in media del 2,1% tra ottobre e dicembre 2014 (+1,7% esclusi i bonus) contro un incremento dell’inflazione oscillante tra lo 0,8% (ottobre) e lo 0,5% (dicembre).

Clicca qui per leggere l’articolo della BBC su questa notizia.

Le persone al lavoro (Tasso di occupazione)

30,9 milioni di persone risultavano occupate in UK a dicembre 2014, pari a una percentuale del 73,2% della popolazione attiva. Comparando questo dato rispetto allo stesso periodo del 2013 si tratta di un incremento netto di 680.000 posti di lavoro. Si tratta del dato piu’ alto di sempre nel Regno Unito, raggiunto una sola volta in passato tra la fine del 2004 e i primi mesi del 2005.

L’andamento del tasso di occupazione in UK (1974 – 2015)

Tasso di occupazione in UK

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Il tasso di occupazione in UK 2009 – 2015

Tasso di occupazione in UK 2009 - 2015

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

I disoccupati

Nell’ultimo trimestre del 2014, le persone in cerca di lavoro in UK erano 1,86 milioni, pari al 5,7% della popolazione attiva tra 16 e 64 anni. Di queste 1,04 milioni erano uomini e 822 mila donne.

Nello stesso periodo del 2013, il tasso di disoccupazione in UK  era pari al 7,2% (-1,5% in dodici mesi).

Tasso di disoccupazione in UK 1974 – 2014

Disoccupazione in UK 1974 - 2014

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Tasso di disoccupazione in UK 2009 – 2014

Tasso di occupazione in UK 2009 - 2015

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Stridente il rapporto tra il numero di disoccupati in UK e quello nell’area euro, dove il tasso di disoccupazione a dicembre 2014 ha toccato quota 9,9%. Tra i grandi Paesi occidentali, meglio del Regno Unito hanno fatto gli Stati Uniti (5,6%)  e la Germania (4,8%).

Tasso di disoccupazione in UK, area euro e USA 2009 – 2014

Disoccupazione UK-EU-USA 2009 - 2014

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Il rapporto tra dipendenti pubblici e dipendenti privati  

Continua in UK il calo dei dipendenti pubblici rispetto al totale della popolazione lavorativa iniziato a marzo 2010 in concomitanza con l’insediamento dell’attuale coalizione di governo. 

A settembre 2014, i dipendenti del settore pubblico in UK erano 5,41 milioni, in calo di 7.000 unita’ rispetto a giugno. Si tratta del dato piu’ basso di sempre nel Regno Unito.

Nello stesso mese, i dipendenti del comparto privato erano invece 25,38 milioni (+121.000 rispetto a giugno).

Nel complesso, escludendo i grandi spostamenti dal pubblico al privato che hanno interessato i dipendenti della Royal Mail (dicembre 2013) e del Gruppo Lloyds Bank (marzo 2014), tra settembre 2013 e settembre 2014 il numero di dipendenti dello Stato in UK nelle sue varie articolazioni e’ diminuito di 49.000 unita’ mentre quelli delle aziende private e’ cresciuto di 637.000.

Dipendenti pubblici in UK 2009 – 2104

Dipendenti pubblici in UK 2009 - 2015Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Nazionalita’ degli occupati in UK

In termini di nazionalita’ e luogo di nascita, le persone occupate in UK tra ottobre e dicembre 2014 nate al di fuori del Regno Unito erano 4,78 milioni (15,4% della popolazione lavorativa), di cui pero’ solo 2,96 milioni erano anche cittadini non britannici.

Rispetto allo stesso trimestre del 2013, il totale di cittadini nati al di fuori di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord al lavoro nel Regno Unito e’ aumentato di ben 296.00 unita’.

Il rapporto tra stipendi e inflazione

Tra ottobre e dicembre 2014 gli stipendi in UK sono cresciuti in media dell’1,7% (+2,1% compresi i bonus), contro un aumento del tasso di inflazione sceso allo 0,5% a fine anno e allo 0,3% a gennaio 2015. Un dato che ha sicuramente contribuito a rafforzare il potere d’acquisto di coloro che lavorano nel Regno Unito. 

Se si guarda al trend complessivo nel corso degli ultimi 12 mesi, rispetto allo stesso trimestre del 2013 i salari in UK sono cresciuti in media del 2,1%

Rapporto tra stipendi e inflazione (Consumer Price Index) in UK 2009 – 2015

Rapporto stipendi - inflazione in UK

Fonte: UK Labour Market, February 2015, Office for National Statistics (17.02.15)

Questi dati, che seguono quelli relativi alle prospettive di crescita dell’economia UK diffuse nei giorni scorsi, confermano come il Regno Unito sia oggi il Paese ideale in cui investire, anche e soprattutto in campo immobiliare.

RE/MAX Investire Londra è il punto di riferimento degli italiani che vogliono affittare e comprare casa a Londra e offre un servizio integrato di consulenza immobiliare, stima, ricerca, vendita e gestione delle proprietà, assistenza legale specialistica e consulenza fiscale bilaterale Italia – UK.

Bottone contatto

Related Posts

Nessun Commento.

commenta